Gli insegnanti di A023 nei CPIA

Insegnanti di A023 nei CPIAGli insegnanti di A023 nei CPIA sono una figura decisamente nuova, ce ne occupiamo in questo articolo con l’intento di fare chiarezza sulla normativa vigente e sull’organizzazione attuale della nuova classe di concorso di Italiano L2.

Cosa sono i CPIA

I CPIA (Centri Provinciali per l’istruzione per gli adulti) sono stati istituiti con il decreto del Presidente della Repubblica 263 del 29 ottobre 2012 (implementato poi dalle linee guida del Decreto interministeriale del 13 marzo 2015). Costituiscono una tipologia di istituzione scolastica autonoma dotata di un proprio organico e di uno specifico assetto didattico e organizzativo. I Centri hanno la medesima autonomia attribuita alle istituzioni scolastiche sono dotati di un proprio organico; hanno i medesimi organi collegiali delle istituzioni scolastiche, realizzano un’offerta formativa strutturata per livelli di apprendimento. Alla  fine di questo articolo potrete trovare il link all’opuscolo informativo riguardante l’organizzazione dei CPIA.

L’offerta formativa dei CPIA

I percorsi di istruzione degli adulti sono riorganizzati in percorsi di:

  • I livello finalizzati al conseguimento del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione;
  • II livello finalizzati al conseguimento del diploma di istruzione tecnica, professionale e artistica;
  • Alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana finalizzati al conseguimento di un titolo attestante il raggiungimento di un livello di conoscenza della lingua italiana non inferiore al livello A2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue elaborato dal Consiglio d’Europa.

Questi percorsi a loro volta si suddividono in più periodi didattici. Sono progettati per unità di apprendimento, intese come insieme autonomamente significativo di conoscenze, abilità e competenze. Tali unità di apprendimento rappresentano il necessario riferimento per il riconoscimento dei crediti.

Agli adulti che si iscrivono ai percorsi di istruzione sono destinate specifiche attività di accoglienza e orientamento. Tali attività sono finalizzate a produrre il Patto formativo individuale, che consente di personalizzare il percorso.

L’utenza

Ai Centri possono iscriversi gli adulti anche stranieri che non hanno assolto l’obbligo di istruzione o che non sono in possesso del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione. Possono accedervi:

  • Gli adulti stranieri anche in possesso di titoli di studio conseguiti nei Paesi di origine, viene garantita la possibilità di iscriversi ai percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana.
  • Coloro che hanno compiuto il sedicesimo anno di età e che non sono in  possesso  del  titolo  di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione.
  • Infine possono iscriversi per frequentare i percorsi di secondo livello, gli adulti, anche stranieri, che sono in possesso del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione, nonché coloro che hanno compiuto il sedicesimo anno di età e che, già in possesso del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione, dimostrano di non poter frequentare il corso diurno.

L’organico di base previsto nel DPR 263 del 29 ottobre 2012

L’organico di base previsto per ogni Centro è costituito da cinque docenti provenienti dalla scuola secondaria di I grado e da tre docenti provenienti dalla scuola primaria. La tipologia dei docenti assegnati al Centro è indicativamente la seguente:

  • 3 docenti di scuola primaria;
  • 2 docenti di scuola media ex classe 43/A (Italiano, storia ed educazione civica, geografia);
  • un docente di scuola media ex classe 59/A (Scienze matematiche, chimiche, fisiche e naturali);
  • 1 docente di scuola media ex classe  45/A  (Lingua straniera);
  • un docente di scuola media ex classe 33/A (Educazione tecnica)

Si legge ancora nel decreto che il Provveditore agli Studi, potrà assegnare altri docenti sulla base di progetti presentati dai Centri, tenuto conto delle tipologie di utenza, dei flussi migratori, dei flussi del mercato del lavoro, delle specificità lavorative ecc. la dotazione organica dei Centri è definita, in relazione all’assetto didattico ed organizzativo sulla base dei dati comunicati dal dirigente scolastico del centro al competente ufficio scolastico regionale con riferimento alla serie storica degli alunni scrutinati. L’organico è determinato, nell’ambito e nei limiti degli organici definiti a legislazione vigente, con riferimento al rapporto non superiore a 10 docenti ogni 160 studenti. La domanda che sorge spontanea è di cosa si andranno ad occupare gli insegnanti A023 nei CPIA.

Insegnanti di A023 nei CPIA: il reclutamento negli organici

Rispetto al decreto che abbiamo analizzato il reclutamento docenti ha subito alcuni cambiamenti, vista l’istituzione della nuova classe di concorso A023.

Nel DPR si legge: “L’organico è determinato mediante l’annuale decreto interministeriale adottato dal MIUR, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze”.
Con l’istituzione della classe di concorso A023, ciascun Ufficio Scolastico Regionale deve provvedere, nei limiti del contingente assegnato, all’individuazione dei posti di italiano L2 in misura di 2 per ogni CPIA (come da Decreto Interministeriale del 28 aprile 2016). In assenza di ulteriori indicazioni, i vincitori del concorso a cattedra 2016 per la classe di concorso A023 sono dunque entrati di ruolo nei CPIA; i 506 posti messi al bando dal MIUR sono tuttavia risultati insufficienti.

Insegnanti di A023 nei CPIA: le questioni aperte

Ci sono numerose domande, ancora senza risposta, relative al ruolo degli insegnanti di A023 nei CPIA. Una di queste riguarda i criteri cui i Dirigenti Scolastici si attengono nell’attribuzione dei compiti per i 2 vincitori che sono obbligati a reclutare nell’organico secondo la normativa. Altro tema caldo, ancora senza risposta, riguarda i motivi per cui non sia possibile impiegare i vincitori di A023 nella scuola pubblica vista la crescente presenza di studenti stranieri nella scuola pubblica e la conseguente necessità di insegnanti e dirigenti di avere delle figure specializzate nella didattica dell’italiano L2.

Queste sono solo alcune delle tante questioni ancora aperte su faremo chiarezza nei prossimi articoli grazie alle testimonianze di insegnanti di A023 nei CPIA.

Infine, per chi volesse approfondire, riportiamo un link ad un utile ed interessante opuscolo informativo sull’organizzazione dei CPIA.

0 responses on "Gli insegnanti di A023 nei CPIA"

Leave a Message

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© Forma Mentis - P. IVA 04839440759

Questo sito utilizza Cookies per darti una migliore esperienza di navigazione. Accetta cliccando su "Accetta i cookies".
Visita la nostra Cookie policy