Insegnare italiano a bambini stranieri: tecniche e strategie didattiche

Consigli operativi per una didattica "a misura di bambino"

Insegnare italiano a bambini stranieriFino a non molto tempo fa l’insegnamento dell’italiano L2 si rivolgeva prevalentemente ad un pubblico adulto. Oggi invece il pubblico di apprendenti di italiano L2 si è notevolmente differenziato includendo adolescenti, universitari, e soprattutto bambini.
Se inizialmente insegnare italiano a bambini stranieri si limitava ai figli, nipoti, pronipoti di emigrati all’estero, a figli di manager o professionisti temporaneamente residenti in Italia, oggi sono invece tantissimi i bambini figli di immigrati stabilitisi in Italia.

Secondo l’analisi condotta dal Ministero dell’Istruzione, nell’anno scolastico 2018/2019 su oltre 8 milioni e mezzo di studenti nelle scuole italiane circa 860.000 sono allievi con cittadinanza non italiana. Di questi sono ben 313.000 i bambini con cittadinanza non italiana che frequentano la primaria, in numero più elevato rispetto a quelli della secondaria di I e II grado. Avevamo già affrontato il tema dell’insegnamento dell’italiano L2 a studenti NAI (neoarrivati in Italia) ma è necessario fare una riflessione didattico-metodologica più ampia su come nel concreto insegnare italiano a bambini stranieri analizzando le peculiarità di questo profilo di apprendenti. Riassumendo l’insegnamento dell’italiano a bambini stranieri può rivolgersi a bambini:

  • nati all’estero da genitori stranieri
  • adottati con procedure internazionali
  • nati in Italia da genitori stranieri
  • figli di coppie miste
  • di etnie nomadi

Caratteristiche cognitive degli apprendenti bambini

Il bambino a differenza degli adulti ma anche degli adolescenti, non ha ancora raggiunto un pieno e completo sviluppo a livello cognitivo e ovviamente deve ancora maturare sotto molteplici aspetti: da quello fisico a quello sociale, affettivo, culturale. Questo comporta evidentemente la necessità di adeguare la didattica “a misura di bambino”. Tantissime sono dunque le peculiarità di cui occorre tener conto nell’ insegnare italiano a bambini stranieri.

Innanzitutto la plasticità cerebrale, la quale permette ai bambini di apprendere la lingua in maniera tale da giungere ad un’acquisizione assimilabile a quella di un parlante nativo. Il bambino inoltre non ha quella conoscenza enciclopedica che ha l’adulto a cui far riferimento di conseguenza la conoscenza si limita all’hic et nunc, al mondo che lo circonda.

Il bambino ha poi generalmente minori problemi relazionali e maggior desiderio di mettersi in gioco, di interagire e comunicare liberamente senza barriere psicologiche (filtro affettivo).

Infine, il bambino non ha raggiunto una maturità cognitiva tale da consentirgli un ragionamento metalinguistico, di conseguenza non è in grado di dedicare lunghi momenti ad attività che richiedano concentrazione, analisi e riflessione.

La ludicità nella didattica dell’italiano a bambini stranieri

L’impossibilità di mantenere l’attenzione dei bambini per un lungo tempo, a differenza di un pubblico adulto, rende necessario trovare forme diverse per raggiungere lo stesso obiettivo. Occorre quindi proporre attività e giochi che creino interesse, motivazione, coinvolgimento, e scegliere materiali che prevedano una gamma di opportunità per sperimentare lingue e linguaggi in contesti che favoriscono e valorizzano la creatività. La ludicità, più che un metodo didattico, costituisce la modalità di conoscenza del bambino che, attraverso il gioco fa esperienza dell’ambiente, esplora e comprende il mondo in un atteggiamento caratterizzato da libertà, gratuità, piacere, creatività, manipolazione e sperimentazione. Il gioco, che costituisce lo sfondo per qualsiasi attività didattica, consente al bambino straniero di affrontare in un modo naturale e familiare anche l’apprendimento dell’italiano L2 e di coinvolgere nel processo tutte le sue capacità. Insegnare italiano a bambini stranieri significa quindi incentrare la didattica sulla “persona” e cioè:

  • Dare spazio alla dimensione operativa della lingua, cioè “far fare delle cose” ai bambini usando la lingua che diventa uno strumento per l’apprendimento;
  • Fare leva sui meccanismi di memoria implicita, proponendo un percorso di acquisizione linguistica in cui la lingua svolge il ruolo di veicolo per la crescita complessiva del bambino (cognitiva, culturale, sociale, semiotica, affettiva);
  • Coinvolgere il bambino in tutta la sua persona, attraverso stimolazioni neurosensoriali che attivino più canali sensoriali, favorendo la formazione e la stabilizzazione di precisi canali nervosi, e la fissazione delle informazioni nelle strutture della memoria.

È importante però che il gioco sia concepito non come momento isolato ma come sistema di lavoro che può coinvolgere tutta l’attività didattica dall’inizio alla fine.

Tecniche didattiche e consigli operativi 

Innanzitutto in una didattica a misura di bambino occorre stimolare il piacere nell’apprendere. Ciò può essere facilitato dalla varietà di attività proposte che dovranno essere brevi e diverse l’una dall’altra. Si potrà dunque passare da attività che coinvolgono il singolo studente ad attività che invece coinvolgono tutta la classe, gruppi o coppie di studenti. Relativamente alla tipologia, si possono proporre attività che divertono e animano la classe (giochi, drammatizzazioni, role play), ma fondamentali sono anche le attività che riportano la “calma” e l’ordine in classe (disegno, copiatura, dettato ecc.). Inoltre occorre coinvolgere i bambini non solo dal punto di vista cognitivo, con attività di problem solving, ma anche dal punto di vista fisico con giochi animati che si rifanno al metodo umanistico-affettivo del Total Physical Response.

Al fine di motivare gli studenti si può chiedere loro di procurarsi a casa del materiale da portare in classe che possa avere qualche attinenza col tema che si andrà a trattare (oggetti, fotografie, immagini ecc.).

Tra i generi comunicativi che si possono proporre come testi input per insegnare italiano a bambini stranieri possiamo elencare: istruzioni, messaggi, inviti, filastrocche, poesie, fiabe, racconti, barzellette, dialoghi, pubblicità, canzoni, cartoni animati, filmati, film, documentari, disegni, cartoline ecc.

Tra le attività ludiche che potremmo adattare per la didattica troviamo:

  • Battaglia navale: in cui ai numeri e alle lettere si sostituiscono oggetti o disegni;
  • Giochi su schema (come “rubabandiera”): anche in questo caso abbinando al bambino non solo i numeri ma anche elementi affrontati durante la lezione (colori, giorni della settimana ecc.);
  • Gioco dell’oca: nelle cui caselle possono essere rappresentate immagini di vario tipo o può essere inserita la richiesta di un qualsiasi compito linguistico da eseguire;
  • I role play, le drammatizzazioni, le animazioni di fiabe o favole;
  • Tutte le tecniche che riguardano l’information gap: ad esempio far sì che un bambino avendo a disposizione la pianta di una stanza guidi il compagno a completare la sua inserendo oggetti, mobili ecc.

Questi sono solo alcuni dei giochi che si potrebbero proporre, ce ne sono tantissimi altri che possono essere adattati per una didattica ludica a misura di bambino.

Insegnare italiano a bambini stranieri: vuoti da colmare

Nelle scuole italiane l’insegnamento dell’italiano a bambini stranieri non trova un’attenzione uniforme. Questo scarso interesse ha molteplici motivazioni: la prima è di ordine culturale che riconosce il valore dei sistemi scolastici in ordine gerarchico dall’alto verso il basso, la seconda, invece, fa riferimento ai concetti di infanzia e di sviluppo che hanno preso solo in epoche recenti coscienza della specificità dei bambini e della necessità di una specifica educazione linguistica. Un terzo motivo è di ordine economico per cui non si è ancora compreso, almeno in Italia, che conviene investire nel sistema istruzione e nello sviluppo precoce delle lingue per accrescere il capitale di risorse umane in favore del sistema economico, in modo che si possa sfruttare al massimo il potenziale talento. Auspichiamo come già ribadito più volte, che insegnanti specializzati, in particolare i vincitori della classe di concorso A023, vengano coinvolti in tutti i sistemi scolastici affinché anche i bambini e i ragazzi stranieri possano veramente avere le stesse possibilità dei loro coetanei italiani.

Vuoi insegnare italiano a stranieri?

In Italia, all’estero, online.

Chiedici una consulenza gratuita e
personalizzata, senza impegno.

Specializzati in italiano L2!

Inizia subito!

Con i nostri corsi avrai una solida
preparazione e un metodo efficace.

0 responses on "Insegnare italiano a bambini stranieri: tecniche e strategie didattiche"

Leave a Message

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

 

© Forma Mentis - P. IVA 04839440759

Apri la chat
1
Ti serve aiuto? Scrivici su WhatsApp!
Possiamo aiutarti?

Questo sito utilizza Cookies per darti una migliore esperienza di navigazione. Accetta cliccando su "Accetta i cookies".
Visita la nostra Cookie policy

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Impostazioni dei Cookie

Di seguito puoi scegliere che tipo di cookies accettare su questo sito. Clicca su "Salva le impostazioni sui cookie" per memorizzare la tua scelta.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon